SPQR

Inquinamento, mobilità

S.P.Q.R. ovvero Strane Persone Questi Romani.

Strana gente i romani. Per decenni sotto scacco di una politica sulla mobilità incentrata sul trasporto privato che ha trasformato questa città in un gigantesco contenitore di lamiere su quattro ruote e smog.

Per decenni abbiamo passivamente accettato lo smantellamento di una rete tranviaria  che, fino agli anni Cinquanta, faceva invidia al resto d’Italia. Abbiamo assistito ad una politica che per risolvere il problema del traffico costruiva nuove strade; quella stessa politica che affermava in tempi non lontani che “i ciclisti rappresentano un pericolo per gli automobilisti”.

Poi, improvvisamente, i romani si sono rotti le balle.

Spqrstone

E così, dopo aver atteso dieci anni per la costruzione di un attraversamento pedonale per il GRA, il sottopasso ciclopedonale i cittadini se lo sono fatti da soli, lo usano frequentemente e ringraziano i Sette Nani che l’hanno realizzato anziché lo Stato che aveva il compito di tutelare la sicurezza degli utenti più deboli della strada.

Altro esempio in Via Albalonga, dove i residenti domani scenderanno in piazza per chiedere (udite udite) il rispetto delle regole: porre fine alla sosta selvaggia rendendo definitiva una soluzione nata in via sperimentale ma che ai cittadini piace perché ostacola la sosta selvaggia.

Senza dimenticare l’iniziativa del prossimo 12 Marzo in cui un centinaio di associazioni e comitati di quartiere faranno una pedalata per sostenere il Tram dei Parchi, un progetto (anche questo) fermo da dieci anni per la realizzazione di una linea tranviaria che, partendo da Saxa Rubra, colleghi tutto il quadrante est di Roma. Un progetto che ha già superato i pareri di fattibilità tecnica di ATAC e che attende solo una nuova visione politica della mobilità per Roma.

12705240_1037377769617920_9017024971255384422_n

Ci troviamo di fronte ad una fase epocale per Roma e per il suo futuro: viviamo un momento storico in cui i cittadini si stanno battendo per un cambiamento radicale della città, una inversione di tendenza rispetto alla spirale autodistruttrice che, dal Dopoguerra ad oggi, ha collassato il trasposto pubblico e ha portato l’inquinamento dell’aria a livelli intollerabili per la salute.

Qualcuno diceva che un popolo che non si ribella è un popolo senza dignità e allora viva la dignità di chi si ribella alle auto sull’Appia Antica, la dignità dei comitati di quartiere, delle associazioni di volontari, dei retaker che si ribellano al degrado dei parchi, all’inciviltà e che ridanno decoro agli spazi pubblici.

Viva la dignità di chi si ribella ad una città pensata per le auto e non per le persone, di chi si oppone ad una periferia concepita solo come “quartiere dormitorio”, che ridisegna gli spazi pubblici per renderli luoghi di aggregazione e non di abbandono. La dignità di chi è stanco di vedere un consumo scellerato del territorio e del verde.

Ed infine, permettetemi di dirlo, viva la dignità di chi in questa città deturpata dal traffico sceglie ogni giorno di prendere la bici o i mezzi pubblici, ribellandosi ad uno stile di vita non più sostenibile.

Strane Persone Questi Romani (SPQR)… ma la Storia insegna a non prenderli troppo sotto gamba.

Dario Piermarini – Coordinatore del Settimo Biciclettari 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...